SCATTATEdaTE - consigli pratici per non fotografi parte seconda

SCATTATEdaTE - consigli pratici per non fotografi parte seconda

ECCOMI DI NUOVO
Seconda puntata della rubrica SCATTATEdaTE - consigli pratici per non fotografi.
Se non sei un fotografo, ma spesso comunichi con gli altri attraverso le immagini questa è la rubrica giusta per te.
Se promuovi spesso la tua attività o i tuoi prodotti attraverso i social, ma le foto che fai per raggiungere più follower, vendere di più, far conoscere i tuoi servizi... fanno pietà, questa è la rubrica giusta per te.
Se hai degli amici che si trovano in uno, o in entrambi i casi qui sopra, segnalagli la rubrica. Puoi ricevere questa rubrica direttamente nella tua casella di posta elettronica, in anteprima, iscrivendoti alla mia newsletter in questo sito, sezione contatti.

Oggi trattiamo ancora 3 piccole perle di tecnica fotografica, banali se vuoi, ma che non puoi trascurare, almeno fino a quando non sarai Cartier Bresson, allora gli strappi alla regola saranno licenza poetica e potrai farne quanti ne vuoi! Ma per ora prediligi la semplicità e il rigore. La prossima volta le perle saranno di carattere meno tecnico e più di approccio al mezzo, una parte un po' più interessante e creativa. Per ora tieni duro!

-1 fondamentalissimo è fare una foto dritta! dopo aver controllato che nel vostro fotogramma (schermo del telefono) ci sia tutto quello che volete, non manchino pezzi di persone e non ci siano pezzi di altre cose che spuntano e non centrano nulla, vi prego, controllate che il soggetto sia dritto! Una foto storta regala subito a chi guarda una sensazione di instabilità e poca cura nella comunicazione e quindi il messaggio non passa. La foto non è bella e dunque non viene guardata, è evidente che è stata scattata da qualcuno che fa le cose senza dargli importanza e dunque non è credibile.
In molti casi, poi, una foto non dritta potrebbe deformare il soggetto, renderlo non reale, non simile a quello che siamo abituati a vedere e dunque non riconoscibile.
Fare una foto dritta non è difficile, basta prendere in considerazione una linea dritta nella realtà e seguirla, controllare che sia dritta anche nell'immagine che stiamo per scattare. Per fare questo è anche necessario, però, essere frontali al nostro soggetto, avere un atteggiamento diretto verso di esso, che richiede onestà e semplicità d'animo, ed è un'altro bell'esercizio.

-2 il mistero dei selfie! Avete mai notato quando vi scattate un selfie (questa pratica diabolica utilizzata oggi dai più, che sostituisce l'autoscatto), dopo lo riguardate e tutti gli elementi della foto sembrano messi al contrario rispetto alla realtà... eppure vi riconoscete... mistero...
Accade perchè le fotocamere frontali dei cellulari anzichè effettuare un autoscatto normale come gli antichi, fungono da specchio. In un selfie tu non ti vedi come sei realmente, ma specchiato, ed è per questo che dopo, a rivederlo, l'immagine sembra invertita, ma tu ti riconosci.
L'unico modo che abbiamo di vedere noi stessi è lo specchio ed per questo che in un selfie abbiamo, secondo la nostra mente, un'immagine veritiera di noi, ed ecco perchè in un selfie ci piacciamo sempre di più che in una foto scattata da altri, pura psicologia!
Farsi i selfie è divertente ed anche comunicativo, ma tieni conto di questo trucchetto la prossima volta.

-3 come terza perla ti metto tra le mani qualcosa di potente che, come tale, va usato bene. La regola dei terzi è veramente un bel regalo che ti faccio! Normalmente viene rivelata a metà di un bel corso di fotografia. Io stessa ho dovuto quasi guadagnarmela durante i miei tre anni di IED, e mi fu rivelata quando ormai, dopo moltiiiissimo esercizio, ci ero praticamente arrivata da sola!
Ed eccola...... Un soggetto importante nel nostro fotogramma non deve necessariamente stare al centro! (SBAM). L'immagine risulta armonica e ben composta (tradotto: interessante da guardare e che cattura l'attenzione) anche se il nostro soggetto, prodotto, servizio... è messo all'interno dell'inquadratura spostato a sinisitra, o a destra, o in basso o in alto, a seconda del carattere che vogliamo dare alla foto.
Eccola qua, tanto semplice quanto efficace! Ovviamente va usata con cautela e parsimonia perchè anche se sembra così facile, per creare un'immagine corretta e accattivante con la regola dei terzi ci va tanto tanto esercizio! Esercizio che ti permette di capire quando è efficace e quando no, quando la linea dell'orizzonte è meglio che sia tutta in alto o tutta in basso, oppure quando inquadrare la maglietta che voglio vendere tutta a destra o tutta a sinistra e cosa dovrebbe esserci nella parte restante della foto!

Anche per questa volta è tutto.

Se hai un'amico a cui potrebbe interessare questa rubrica mostragliela, e digli di iscriversi alla newsletter.

Commenti

Nessun commento

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.